logo top

 

 
 

TOP cherubini

 
 

 
       
 
 
     
 

Vetrina di libri 2018 | Mercoledì 9 maggio

Mercoledì 9 maggio

Biblioteca del Conservatorio (piazza delle Belle Arti 2), ore 16:30

Anna Giust, Cercando l’opera russa. La formazione di una coscienza nazionale nel teatro musicale del Settecento,
Premio per la ricerca in discipline musicologiche, Milano, Edizioni Amici della Scala – Feltrinelli, 2014.

Con interventi musicali di docenti e studenti del Conservatorio “Cherubini”, a cura di Donata Bertoldi

Ingresso libero 

Il libro di Anna Giust è vincitore della seconda edizione del “Premio per la ricerca in Discipline Musicologiche” creato dagli Amici della Scala e inserito nel progetto “Together for culture”. Hanno aderito 39 università, con 146 tra docenti e coordinatori di dottorato e la quasi totalità dei giovani addottorati che, nei due anni accademici 2011 e 2012, hanno discusso una dissertazione in ambito musicologico. Il premio è stato assegnato da una commissione internazionale di musicologi, composta da Dinko Fabris, Philip Gossett e Antonio Rostagno. 

Anna Giust ha concluso nel 2012 il dottorato in Storia e critica delle arti, musica e spettacolo presso l’Università degli Studi di Padova, con la tesi intitolata Towards Russian Opera, Growing National Consciousness in 18th-Century Operatic Repertoire. Nel 2008 ha ottenuto la laurea specialistica in Musicologia e Beni Musicali a Ca’ Foscari, dove nel 2004 si era laureata in Lingue e Letterature straniere (russo e francese) con una tesi sull’opera Il naso di Dmitrij Šostakovič. È diplomata in chitarra classica (Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza, 2005). Da diversi anni ha intrapreso un percorso di ricerca dedicato allo studio del repertorio operistico russo. È autrice di due monografie e di diversi articoli sul teatro musicale russo dal Settecento al Novecento. Nell’a. a. 2013-14 è stata docente a contratto di lingua russa presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, e nell’estate 2015 ha fruito di una borsa post-dottorale presso l’Institut de Musicologie dell’Università di Friburgo (Svizzera). Attualmente svolge attività di ricerca indipendente, approfondendo aspetti del teatro russo di corte tra il Settecento e il primo Ottocento. E vincitrice dell'edizione 2017 del Premio Rotary assegnato dall'Istituto nazionale di studi verdiani, con il progetto di uno studio sulla ricezione dell'opera italiana in Russia, con "La forza del destino" come riferimento principale.

Programma: 
Pëtr Il'ič Čajkovskij (1840-1893)
Aria di Iolanta, dall’opera Iolanta, 1892

Vittoria Licostini, soprano
Pianista Beatrice Bartoli

Aria di Lenskij, da Evgenij Onegin, 1879

Ming Yu Zhang, tenore
Beatrice Bartoli, pianista

Classe di canto prof.ssa Donatella Debolini, classe di musica vocale da camera prof. Leonardo De Lisi

Read 776 times
 

AEC Logo transparent

banner_2_sito.jpg

 
   
         
   
   
Conservatorio di Musica
Luigi Cherubini

Piazza delle Belle Arti 2
50122 Firenze
Tel. +39 055 298 9311
Fax +39 055 239 6785
Posta certificata (PEC): protocollo.consfi@pec.it
Codice Fiscale 80025210487
© 2014

Area Riservata
Docenti
Referenti
Amministrativi
Coadiutori