logo top

 

 
 

TOP cherubini

 
 

 
       
 
 
 

MUSICA PROIBITA a Città di Castello

Domenica 27 gennaio 2019, h. 21.00 

Teatro degli Illuminati, Via Dei Fucci 14 - Città di Castello (PG)

In occasione del Giorno della Memoria 2019

MUSICA PROIBITA

 

Marlene Fuochi, Pianoforte
Jade Lin, Soprano
Leonardo De Lisi, Tenore e narratore
Wind band del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze
Guido Corti, Direttore

 

Kurt Weill (1900-1950) – Die Dreigroschenoper (L’opera da tre soldi)

George Gershwin (1898-1937) – Rhapsody in Blue (versione originale del 1924)

 

Due parole sul programma
La scelta di intitolare ‘Musica Proibita’ il programma di questo concerto non è casuale, molto spesso nel corso della storia artisti e scenziati si sono visti negare dalla censura e dalla scure del potere la divulgazione dei propri capolavori o delle proprie scoperte (come non pensare a Galileo?).
Il periodo di attività Kurt Weill e George Gershwin è assai lontano da quello di Galileo e dalla sua “Luna” ma anch’essi subirono opposizioni, in particolare Weill il quale a causa delle sue origini ebraiche e nonostante fosse compositore famoso e affermato, fu costretto alla fuga dalla sua Germania nella quale dilagava ormai il Nazismo.
Entrambi i compositori però riuscirono con la loro eccezionale genialità a superare le barriere dell’ignoranza e del pregiudizio riuscendo a scrivere i loro nomi nel firmamento dei grandi compositori della storia della musica e del cinema.
L’opera da tre soldi è un’opera teatrale di Bertolt Brecht rielaborata musicalmente da Kurt Weill nel 1928 e ispirata a Beggar’s Opera, una ballad opera dell'inglese John Gay del XVIII secolo. Si svolge nell’ambiente della malavita londinese e dei mendicanti, ma mette in scena in realtà il cinismo del mondo aristocratico con i suoi affari, la sua corruzione e i suoi intrighi, portando un velato ma forte attacco alla società capitalista scontrandosi così con la censura nazista.
George Gershwin, ebreo Newyorkese figlio di immigrati dell’est Europa, è considerato l’iniziatore del “musical” americano e allo stesso tempo compositore in grado di spaziare dalla musica colta al jazz. Non fu inizialmente visto di buon occhio da quella parte di America conservatrice e xenofoba in quanto la sua musica traeva origine da quella delle persone di colore, il jazz, la musica che si suonava e si ballava nei bar dei quartieri neri, musica scomoda se si pensa al capolavoro ‘Porgy and Bess’ , scritto sul libretto del fratello Ira, i cui personaggi sono tutti afroamericani.
Rhapsody in Blue è in assoluto la composizione più famosa di Gershwin. Composta per pianoforte solista e la wind band di Paul Whitman nel 1924, venne eseguita con George stesso nelle vesti di solista nello stesso anno ed ottenne da subito un successo enorme quanto imprevisto... ma è inutile che ci dilunghiamo perché certamente anche voi la conoscete e ne godrete, così come noi tutte le volte che la suoniamo.


La Band di “Musica Proibita”

Flauti : Agata Smeralda Petrognani, Feyza Nur Sagliksever, Sara Tomei, Altea Maffei, Michael Ballesteros.
Oboi: Federica Pirrò, Martina Iandelli, Fabrizio Zilli
Clarinetti : Daniele Pangaro, Robin Ditifeci, Aleksandar Cokic, Ezio Ferrusi, Luca Pollastri
Fagotto: Corrado Dabbene
Sassofoni: Fabrizio Cortopassi, Eleonora Proietti, Carlo Rossi, Christian Principe
Corni: Massimiliano Pavan, Andrea Graziani, Andrea Marchionne, Irene Zeloni
Trombe: Manuel Concettini, Mihai Sbenghe, Andor Meszaros,Giulio Soldati
Tromboni: Edoardo Baldini, Francesco Benassai
Tuba: Lombardo Giovanni
Percussioni: Mirko Landucci, Dimitri Romanelli, Tommaso Canneti
Contrabbasso: Pablo Escobar
Arpa : Floriandre Dezaire
Fisarmonica : Antonio Saulo
Pianoforte: Giulia Boschi

Read 547 times
 
     

DIDATTICA DIGITALE

AEC Logo transparent

banner_2_sito.jpg

 
   
         
   
   
Conservatorio di Musica
Luigi Cherubini

Piazza delle Belle Arti 2
50122 Firenze
Tel. +39 055 298 9311
Fax +39 055 239 6785
Posta certificata (PEC): protocollo.consfi@pec.it
Codice Fiscale 80025210487
© 2014

Area Riservata
Docenti
Referenti
Amministrativi
Coadiutori