logo top

 

 
 

TOP cherubini

 
 

 
       
 
 
 

Al Conservatorio Cherubini omaggio a Chet Baker, a 60 anni dal concerto fiorentino.

L’evento “Ricordando Chet Baker” si terrà domenica 24 gennaio alle ore 16.00 presso Villa Favard a Firenze (via di Rocca Tedalda 451). Ingresso libero fino a esaurimento posti.

L’incontro alternerà momenti musicali a cura del Dipartimento Jazz del Conservatorio Cherubini, diretto da Riccardo Fassi, e del CAM (Centro Attività Musicali) diretti da Alessandro Di Puccio e Stefano Rapicavoli, a contributi video, a cura del Circolo Lucca Jazz e de Il Popolo del Blues. Interverranno i giornalisti musicali Paolo Carradori, Enrico Romero e Michele Manzotti.

A sessant’anni esatti dallo storico concerto tenuto dal trombettista americano Chet Baker a Firenze presso la Sala del Buonumore del Conservatorio Luigi Cherubini, il 24 gennaio 1956, il Conservatorio omaggia il grande artista con “Ricordando Chet Baker”, un evento di musica dal vivo e proiezioni video, che si svolgerà domenica 24 gennaio alle ore 16.00 presso Villa Favard (via di Rocca Tedalda n.451), sede del conservatorio.

Nel corso dell’iniziativa saranno proiettati due filmati, il primo dal titolo “Chet Baker e Firenze. Storia di un amore infinito”, un documentario per la regia di Ernesto De Pascale e le riprese e il montaggio di Emiliano Laszlo, prodotto da Il Popolo del Blues, che ricorda Chet Baker con immagini inedite e interviste di chi lo ha conosciuto nell’occasione fiorentina. E’ stato presentato al pubblico per la prima volta nel 2009, in occasione dell’affissione di una targa commemorativa dedicata a Chet Baker, tuttora apposta all’interno del Conservatorio Cherubini.

Il secondo filmato, del 2014, a cura del Circolo Lucca Jazz, ritrae, attraverso un montaggio di foto e di interviste, il musicista in vari momenti della sua vita e durante il suo soggiorno a Lucca.

Il ricordo musicale si aprirà sulle sonorità “Hard bop” a cura dell’ensemble del Cam diretto da Alessandro di Puccio, formato da Simone Trovato alla tromba, Giulio Ottanelli al sax alto, Alessandro Medda alla chitarra, Diego Onorato al contrabbasso e Simone Brilli alla batteria. Seguirà l’esibizione dell’ensemble jazz del Cherubini diretto da Riccardo Fassi, con Lenka Molcanyiova al sax alto, Franco Mezzi alla tromba, Nicola Demontis alla chitarra, Federico Calabretta al piano, Fabrizio Filesi al basso e Michele Andriola alla batteria.

Sarà poi dato spazio alle sonorità “Cool jazz”, con l’ensemble del Cam diretto da Stefano Rapicavoli e formato da Cecilia Gordigiani alla voce, Giulia Bartolini alla voce, Mario Codacci al sax tenore, Riccardo Jovine alla chitarra, Giovanni Matticari al pianoforte e Diego Onorato al contrabbasso.

Durante l’evento, interverranno i giornalisti musicali Paolo Carradori (Il Giornale della Musica), Michele Manzotti (La Nazione) e Enrico Romero (Controradio).

L’ingresso all’evento è libero fino a esaurimento posti (per informazioni www.conservatorio.firenze.it).

Ernesto De Pascale, conduttore radiofonico (RAI Stereonotte), giornalista e musicista, prematuramente scomparso quattro anni fa, così introduceva il rapporto tra Chet Baker e Firenze: “Chet, reduce dai successi di The Birth Of Cool, si presentò su palcoscenico del Cherubini per un concerto che avrebbe aperto a propria insaputa la stagione del jazz contemporaneo, influenzando un'intera scuola di jazzisti locali, imponendo anno dopo anno Firenze sulla mappa della creatività, della originalità e dello stile internazionale. Locali dediti al jazz, una nuova generazione di musicisti, una rivista che si ‘permise’ di diventare per poche stagioni concorrente alla storica firma milanese Musica Jazz (il mensile in questione si chiamava Jazz di ieri e di oggi), concerti, misero in moto decine e decine di nuovi appassionati comunicando l’amore per la musica di qualità ed eleganza e per un linguaggio che sottolineava l’avvento del boom economico.

La voce della tromba di Chet ancora rappresenta una stagione eccezionale del jazz. Il trombettista, nonostante le sue vicissitudini con la giustizia - anche locale, come il processo e l’anno in prigione a Lucca nella stagione 1960/1961- grazie al calore e all’ospitalità del pubblico fiorentino, stabilì con la città un formidabile rapporto che non si sarebbe esaurito con la sua scomparsa prematura avvenuta il 13 maggio 1988”.

Ricordando Chet Baker

Programma:

CAM Jazz di Firenze | M° Alessandro Di Puccio
Repertorio hard bop
Simone Trovato, tromba
Giulio Ottanelli, sax alto
Alessandro Medda, chitarra
Diego Onorato, contrabbasso
Simone Brilli, batteria
 
Proiezione del documentario “Chet Baker e Firenze - Storia di un amore infinito” gentilmente concesso da
Il Popolo del Blues
(regia di Ernesto De Pascale ed Emiliano Laszlo)
Durata 25 minuti
Firenze 2009
Produzione Il Popolo del Blues
 
Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze
Classe Jazz | M° Riccardo Fassi
Lenka Molcanyiova, sax alto
Franco Mezzi, tromba
Nicola Demontis, chitarra
Federico Calabretta, piano
Fabrizio Filesi, basso
Michele Andriola, batteria
 
Proiezione del documentario gentilmente concesso dal “Circolo Jazz Lucca
CAM Jazz Firenze | M° Stefano Rapicavoli
Repertorio Cool Jazz
Cecilia Gordigiani, voce
Giulia Bartolini, voce
Mario Codacci, sax tenore
Riccardo Jovine, chitarra
Giovanni Matticari, pianoforte
Diego Onorato, contrabbasso
 
Read 3766 times
 
     

AEC Logo transparent

banner_2_sito.jpg

 
   
         
   
   
Conservatorio di Musica
Luigi Cherubini

Piazza delle Belle Arti 2
50122 Firenze
Tel. +39 055 298 9311
Fax +39 055 239 6785
Posta certificata (PEC): protocollo.consfi@pec.it
Codice Fiscale 80025210487
© 2014

Area Riservata
Docenti
Referenti
Amministrativi
Coadiutori