logo top

 

 
 

TOP cherubini

 
 

 
       
 
 
 

Vetrina di libri 2018 | Mercoledì 18 aprile

Mercoledì 18 aprile

Biblioteca del Conservatorio (piazza delle Belle Arti 2), ore 16:30

Lauro Graziosi, La qualità del sentire. Ovvero critica della “ragion” musicale, Milano-Udine, Mimesis, 2017.

Con interventi musicali di docenti e studenti del Conservatorio “Cherubini”, a cura di Donata Bertoldi

Ingresso libero 

La qualità del "sentire" ovvero critica della "ragion" musicale è il titolo del saggio critico estetico-musicale frutto di una lunga ricerca artistico professionale di 5 anni (con una bibliografia di 215 saggi).
Il titolo e il sottotitolo recano due virgolettati:1) il "sentire" inteso in senso estetico musicale proprio in quanto fruizione viva ed esperienziale e non estetico filosofico, e allo stesso tempo approfondisce gli aspetti legati alla sensibilità interiore. 2)"ragion" intesa come razionalità scientifica applicata alla musica per saggiarne le possibilità reali senza sconfinamenti disciplinari seppur nella interazione sempre possibile. Il sottotitolo è neokantiano nella parafrasi ma è decisamente antikantiano nei contenuti.
La ricerca dunque ha come scopo principale quello di interagire con la razionalità scientifica limitando da una parte il forte riduzionismo a cui la scienza odierna molto spesso e con troppa facilità si abbandona e dall'altro cerca di ri-tracciare nuovi confini interni tra le varie discipline musicali e scientifiche al fine di evitare un altro fenomeno non meno problematico e controverso tipico dei nostri tempi della scientificizzazione dell'arte e della possibile e nefasta artializzazione scientifica.
Il saggio in questione si presenta come fortemente innovativo sotto diversi punti di vista poiché rilegge criticamente l'evoluzione storica tra musica e scienza, e soprattutto si sofferma (ultimi 6 capitoli) sul 900 dandone una nuova ed inedita immagine più aderente ai fatti storici così come realmente accaduti per mezzo di analisi musicali minuziose e approfondite, dalle avanguardie storiche fino alla teorizzazione di un nuovo paradigma estetico artistico multiculturale nella nostra società ormai globalizzata.
Il saggio presenta infine ma non meno importante uno studio molto approfondito e raro in letteratura specifica sull'orecchio assoluto una questione scientifico musicale ancora del tutto incomprensibile
ma che suscita continuamente la curiosità non solo dei musicisti ma soprattutto dei neuroscienziati sempre alla ricerca di una spiegazione di un enigma che continuamente sfugge alla comprensione mettendo persino in dubbio la validità delle teorie scientifiche odierne.

 

Lauro Graziosi
Ha studiato al Conservatorio di musica S.Cecilia di Roma, frequentando i seguenti corsi: strumentazione per banda; musica corale e direzione di coro; pianoforte di lettura di partitura; composizione e direzione d’orchestra al Conservatorio di Frosinone.
Per la composizione si è perfezionato all’Accademia musicale “Ottorino Respighi” di Assisi con Teresa Procaccini e successivamente alla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Giacomo Manzoni.
E’ autore di numerose opere selezionate al concorso internazionale di composizione ICONS di Torino. Contemporaneamente ha frequentato il Corso di specializzazione in strumentazione e direzione di banda presso l’Accademia Nazionale di S. Cecilia ed ha diretto la prestigiosa Banda dell’arma dei Carabinieri. E’autore di trascrizioni e composizioni originali per banda e sinfhonic band.
Per la direzione d’orchestra si è perfezionato con Gustav Kuhn ai Pomeriggi Musicali di Milano. In seguito presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Ilya Musin e Myun Whun Chung (direttore dell’orchestra sinfonica S. Cecilia di Roma)
Ha esordito giovanissimo nella direzione d’orchestra, ha fondato la prima sinphonic band del centro Italia ed ha svolto con essa numerosi concerti. Svolge, inoltre, intensa attività concertistica in qualità di direttore d’orchestra con varie formazioni (da camera, a fiati, sinfoniche, sinfoniche-corali) italiane ed estere.
Ha diretto l’orchestra di Sofia, l’orchestra ed il corpo di ballo di stato della Moldova e la prestigiosa orchestra della Radio di Kijev.
E’ stato selezionato al Concorso internazionale Gusella di Pescara e al Concorso internazionale di Direzione d’Orchestra di Besançon in Francia, uno dei più prestigiosi a livello internazionale.
Nel 1999 ha vinto il concorso a Cattedra per titoli ed esami per l’insegnamento ai Conservatori di Musica. Attualmente è docente di Strumentazione, Composizione e Direzione d’orchestra di fiati (Banda) presso il Conservatorio Statale di Musica di Firenze.

 

Programma

Ernst Krenek Suite ( 1957) per chitarra
(1900-1991) I Allegro Moderato
II Andante sostenuto
III Allegretto
IV Larghetto
V Allegro

Lauro Graziosi Phantasmatic Sonority
Preludio (versione per chitarra)

Ernst Krenek da “Hausmusik op. 172 (1959) Seven pieces for the seven days of the week
(versione per chitarra e violino)
n. 2 Allegretto
n. 4 Allegro

Cathy Berberian Stripsody (1966) per voce sola
(1925-1983)

esecutori:
Francesco Cuoghi, chitarra
Lucia Maggi, violino
Valeria Matrosova, soprano

 

Read 94 times
 
     

DIDATTICA DIGITALE

AEC Logo transparent

banner_2_sito.jpg

2018 PNA

 
   
         
   
   
Conservatorio di Musica
Luigi Cherubini

Piazza delle Belle Arti 2
50122 Firenze
Tel. +39 055 298 9311
Fax +39 055 239 6785
Posta certificata (PEC): protocollo.consfi@pec.it
Codice Fiscale 80025210487
© 2014

Area Riservata
Docenti
Referenti
Amministrativi
Coadiutori